Lavoro

Pagina 1 di 1612345
  • CAMBIARE INSIEME LA MACCHINA PUBBLICA

    La Pubblica amministrazione si cambia insieme. Assumendo la presidenza del Forum Pd sulle Riforme della Pubblica Amministrazione desidero anzitutto ringraziare il segretario Epifani per la fiducia mostrata e il mio predecessore, Oriano Giovanelli, per la grande disponibilità e l’ottimo lavoro fin qui svolto. Un campo di intervento vasto e strategico, quello della P.A. in un paese che conta migliaia di centri decisionali territoriali e nazionali oltre che tre milioni di dipendenti pubblici a tutti i livelli. Che questa mastodontica macchina vada efficientata e valorizzata secondo gli standard dei più grandi paesi europei è sotto gli occhi di tutti.

  • Lavoro, D’Antoni: “Bene sindacati, Governo trovi risorse”

    “L’iniziativa unitaria di Cisl, Cgil e Uil sul rifinanziamento degli ammortizzatori sociali e sulla necessita’ di riprendere in mano la questione esodati e’ importante e pienamente condivisibile, sia nel metodo che nel merito. In questa delicatissima fase, ogni euro a disposizione va indirizzato sul lavoro e sulle fasce piu’ deboli della societa’”. Lo afferma in una nota Sergio D’Antoni, componente della segreteria nazionale del Pd.

  • Crisi, D’Antoni: “Nuovo governo lavori a patto sociale e democrazia economica”

    “I dati diffusi da Confcommercio su poverta’ e produttivita’ confermano quanto sia urgente un governo che lavori a un grande patto sociale nel segno della solidarieta’ e della partecipazione. Serve un grande accordo che garantisca pace sociale e in cui tutti gli attori del corpo sociale si sentano coinvolti nella definizione delle grandi riforme che attendono il paese”. Lo afferma Sergio D’Antoni, componente della segreteria nazionale del Partito democratico.

  • Lavoro, D’Antoni: “Da Grillo poche idee ma confuse”

    ul mondo del lavoro, come su molto altro, Grillo dimostra di avere poche idee, ma confuse. Il capo del M5S prima dice basta con i sindacati, poi invoca il modello tedesco di relazioni industriali. Un delirio degno del vecchio Guglielmo Giannini”.

  • Berlusconi, D’Antoni: “Quattro milioni di frottole, suo governo ha azzerato occupazione”

    “Quattro milioni di frottole, altro che posti di lavoro. Silvio Berlusconi, da ottimo imbonitore qual e’, cerca ogni giorno di alzare fumo e spostare l’attenzione dai disastri prodotti dal suo governo, in particolare contro le fasce deboli del paese”. Lo afferma Sergio d’Antoni, componente della segreteria nazionale del Partito democratico ed ex viceministro allo Sviluppo del governo Prodi.

  • Sud, D’Antoni: “Pd per piano investimenti e lavoro”

    “E’ al sud che si giochera’ la partita decisiva sullo sviluppo nazionale. Il prossimo governo deve lavorare a un grande piano per gli investimenti e il lavoro produttivo nel Mezzogiorno, che inverta la rotta rispetto al disastro antimeridionalista compiuto da Pdl e Lega”. Ad affermarlo e’ Sergio D’Antoni, membro della segreteria nazionale del Pd, illustrando i contenuti piattaforma Pd sul Mezzogiorno, presentata oggi alla Camera dei Deputati.

  • Sud, D’Antoni: “Bene Bersani, l’Italia riparte da zone deboli”

    “Bersani dice bene: il motore della crescita italiana riparte dal Sud”. Lo dice in una nota Sergio D’Antoni, componente della segreteria nazionale del Pd.

  • Istat, D’Antoni: “Serve nuovo patto sociale, Monti ha raccolto sfida”

    “I dati diffusi oggi dall’Istat sui salari mettono in evidenza la assoluta urgenza di aprire una nuova stagione di dialogo concertato tra governo e parti sociali. Una sfida che il governo Monti non ha saputo cogliere”. Lo afferma in una nota Sergio D’Antoni, componente della segreteria nazionale del Pd.

  • Confindustria, D’Antoni: “Analisi condivisibile, tornare a spirito del ‘92-’93″

    Condivisibile e giustificate le allarmate analisi sulle condizioni economiche del paese arrivate in questi giorni delle parti sociali, ultima in ordine di tempo quella giunta da Confindustria. L’errore più grave che si puo’ fare in questo momento e’ ignorare queste voci. Dalla crisi si esce con un sforzo comune, avviando un dialogo concertativo da cui dipende la qualita’ dell’azione riformista del prossimo governo”. Lo afferma Sergio D’Antoni, componente della segreteria nazionale del Pd.

  • Lavoro, D’Antoni: “Da Polillo uscita infelice”

    “In un botta e risposta con il segretario della Fiom, il sottosegretario Polillo ha affermato ieri che in Germania l’economia va meglio ‘perche’ li’ la gente lavora’. Un’uscita decisamente infelice, su cui il sottosegretario dovrebbe fare chiarezza. Vorremmo tuttavia ricordare a Landini che la causa dell’innegabile spread sulla produttivita’ ha il nome ben preciso di cogestione, il coinvolgimento attivo dei lavoratori nelle sedi decisionali delle aziende”. E’ il commento di Sergio D’Antoni, membro della segreteria nazionale del Pd.

Pagina 1 di 1612345

Video Gallery Blog Rss